News

Mostre | Eventi | Concerti | Convegni | Eventi collaterali

Dorazio-Ad-Personam_novecento_ok.jpg

Maggio al Novecento

Dall’arte alla musica, vi aspetta un maggio ricco di eventi e mostre al Museo Novecento.

Silvio Pucci Inedito – Mercoledì 11 maggio

Loredana Gallo in conversazione con Emanuele Greco, in occasione dell’esposizione temporanea ed eccezionale di un dipinto di Silvio Pucci. Un’occasione per gettare nuova luce sulla sua pittura giovanile, che si inserisce nel clima del ritorno all’ordine. L’esposizione eccezionale e temporanea di Scena di ambiente rusticano in Toscana (1924), dipinto di grandi dimensioni recentemente restaurato, offre infatti l’opportunità di osservare da vicino la tecnica e lo stile di Pucci e di riconsiderare la sua attività nel contesto artistico locale e nazionale tra le due guerre.

La conferenza è a ingresso libero fino ad esaurimento posti. L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.

Alberto Magnelli – Domenica 15 maggio, ore 10:30

Torna l’appuntamento mensile, curato dal Dipartimento Mediazione dell’Associazione MUS.E. per conoscere i protagonisti dell’arte italiana del Novecento. A maggio è la volta di Alberto Magnelli, fiorentino di nascita e parigino d’adozione. Un appuntamento da non perdere per ripercorrere le sue vicende artistiche dalle avanguardie di inizio secolo per arrivare, attraverso sperimentazioni surrealiste, all’astrazione.

Across the Atlantic – Lunedì 16 maggio ore 17:00 e lunedì 20 giugno ore 17:00

Visita itinerante alle collezioni del Museo Novecento e alla mostra Da Kandinsky a Pollock. La grande arte dei Guggenheim. In collaborazione con Fondazione Palazzo Strozzi.

La visita guidata alla mostra di Palazzo Strozzi e alla collezione del Museo Novecento è un’occasione unica per scoprire il ruolo dei collezionisti nella diffusione dell’arte del secolo scorso e le reciproche influenze tra l’arte di due continenti. Un percorso attraverso due importanti raccolte, la mostra di Palazzo Strozzi e la collezione del Museo Novecento, che consente di approfondire gli scambi tra l’arte europea e l’arte americana e di riflettere su alcuni grandi temi al centro del dibattito artistico del Novecento: dall’acceso confronto tra i sostenitori della pittura astratta e quella figurativa, al rapporto tra immagine e parola, fino al cortocircuito tra oggetto e idea e tra unicità e riproducibilità dell’opera d’arte. Durante la visita saranno approfonditi i lavori di alcuni dei maestri italiani e internazionali del ventesimo secolo, tra cui Bruno Munari, Lucio Fontana, Emilio Vedova, Marcel Duchamp, Jackson Pollock, Mark Rothko.

Ingresso con biglietto congiunto 8 euro. Attività gratuita. Prenotazione obbligatoria, massimo 25 persone.

Info: prenotazioni@palazzostrozzi.org, tel. 055 2469600.

Verba picta. Testo e immagine nel patrimonio artistico e letterario della seconda metà del Novecento – Mercoledì 18 maggio ore 17.30                                                  

Il Progetto di Ricerca Verba Picta, finanziato dal MIUR attraverso il programma “FIRB – Futuro in ricerca 2010”, ha sede dal 2012 presso il Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali dell’Università di Firenze, si occupa dell’interrelazione tra testo e immagine nel patrimonio artistico e letterario della seconda metà del Novecento.

La prima parte del titolo si richiama alla relazione interattiva tra immagini e parole che caratterizza in vario modo la tradizione occidentale, dai codici miniati ai calligrammi alessandrini, sino alle pregiate edizioni con illustrazioni di artisti che si sviluppano nella modernità (edizioni d’arte, libri illustrati, libri d’artista). La seconda parte circoscrive invece l’area di indagine ad un preciso arco cronologico, ovvero dal 1950 al 2000, con specifico riferimento sia al patrimonio artistico che a quello letterario, a sottolineare l’intersezione tra i due ambiti all’interno di un contesto culturale quanto mai vario e ricco di scambi tra poeti, critici, pittori e musicisti.

Intervengono Mario Domenichelli, Federico Fastelli, Teresa Spignoli. In collaborazione con il Dipartimento di Lingue, Letterature e Studi Interculturali dell’Università di Firenze.

La conferenza è a ingresso libero fino ad esaurimento posti. L’ingresso non prevede l’accesso al percorso museale.

Fischia il vento. Musica e parole dal fronte della II Guerra Mondiale. 79° Maggio Musicale Fiorentino. Intorno al Festival – Music@Novecento Venerdì 20 maggio ore 18:00                                             

Dopo l’esordio al Museo Novecento nel 2015, prosegue la riproposta delle musiche e delle parole “belliche”, stavolta dedicate al secondo conflitto mondiale. Il concerto prevede l’esecuzione di alcuni dei più celebri canti che riecheggiarono sui vari fronti ma anche sulle montagne e nelle valli durante la Resistenza, insieme alle lettere dei soldati e dei partigiani impegnati a combattere per la libertà.

Coro La Martinella del CAI di Firenze diretto da Ettore Varacalli. Voce recitante Rosa Sarti. Tenore Claudio Ciullini.

Ingresso con il biglietto del Museo.

Carissimi padri «Bruciarsi nel futuro»! Istruzioni per fare un’avanguardia / 2 costruzioni ready-made (astenersi passatisti) – Domenica 22 maggio ore 16:00, in replica ore 17:30        

Mise en espace itinerante nell’ambito del progetto Carissimi Padri… Almanacchi della “Grande Pace” (1900-1915). In collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana. Partendo dalla frenetica belle époque, o al contrario muovendoci à rebours dagli ultimi scampoli di Novecento, un viaggio (anzi due!) attraverso il provocatorio (e provocante) secolo delle avanguardie. Due appuntamenti teatrali tra le sale espositive del Museo Novecento, con gli attori del progetto Carissimi Padri…, per imparare la miglior ricetta di qualsivoglia avanguardia DOC e DOP.

Con Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia.

Ingresso con il biglietto del Museo. Prenotazione obbligatoria, massimo 60 persone a spettacolo. 

Info: info@muse.comune.fi.it, tel. 055 2768224 – 055 2768558.

Abbassa la tua radio per favore. Musica e parole alla vigilia della II guerra mondiale. 79° Maggio Musicale Fiorentino. Intorno al Festival – Music@Novecento Venerdì 27 maggio ore 18:00                                             

Il titolo del concerto rimanda a una celebre canzone di Alfredo Bracchi e Giovanni D’Anzi, Silenzioso Slow, portata al successo da Norma Bruni e da Alberto Rabagliati. Erano gli anni che precedevano l’entrata in guerra dell’Italia, gli anni in cui la radio era ormai entrata a far parte della vita quotidiana della piccola borghesia, sviluppando un interessante filone canzonettistico. Alcuni dei più famosi successi di quell’epoca saranno affiancati alle retoriche canzoni della propaganda fascista ed a frammenti di documenti storici che ci riportano a uno dei momenti più drammatici della storia italiana.

Tenore Leonardo De Lisi. Pianoforte Leonardo Previero. Voce recitante Rosa Sarti.

Ingresso con il biglietto del Museo.

Il Velo dell’arte. Una rete di immagini tra passato e conteporaneità – Presso Institut Français Firenze, Lunedì 30 maggio ore 18:00

Presentazione del volume di Lucia Corrain, l’autrice in dialogo con Paolo Fabbri. Una collaborazione Institut Français Firenze e Museo Novecento.

Con un costante dialogo tra opere d’arte del passato e della contemporaneità, il volume mette in rete costellazioni di immagini che, a dispetto dei differenti media cui sono riconducibili, entrano tra loro in sinergia per dare luogo a nuove e inattese configurazioni di significato. È il caso del velo albertiano, messo in risonanza con “I giardini di Compton House” di Peter Greeneway, con l’installazione “Rahmenbau” a Kassel e con il video “The veiling” di Bill Viola. Anche i tagli di Lucio Fontana e le colate di colore di Hermann Nitsch sono relazionabili alla ferita al costato di Cristo, cosi come il seicentesco quadro a lume di notte dialoga, sul piano del coinvolgimento passionale dell’osservatore, con le video-installazioni dello stesso Bill Viola. E ancora, le appassionate forme del dolore presenti nel bolognese “Compianto” di Niccolò dell’Arca trovano un riscontro in un’opera della piena contemporaneità, “La Pietà del Kossovo” di Pascal Convert. Il passaggio dalla figuratività alla totale astrazione si coglie, in particolare, nella “Rothko Chapel” di Houston, dove il modus operandi dell’artista americano propone un rapporto con l’osservatore analogo a quello che il Beato Angelico già aveva sperimentato nelle celle del convento di San Marco a Firenze.

Museo Novecento

Piazza Santa Maria Novella 10, Firenze

Info: info@muse.comune.fi.it, tel. 055 2768224 – 055 2768558.

Toscana900Maggio al Novecento
Share this post